Logo-Piccolo-2

Barcellona: La Città Felice

barce1

Barcellona è da molti anni una delle prime destinazioni turistiche della Spagna, una città che che non dorme mai e che sa come farsi amare: con una storia tra le più antiche in Europa,  strade ed angoli suggestivi e pieni di fascino, la vita notturna, le belle spiagge della vicina Costa Brava, la varietà di tesori artistici, dalle le chiese romaniche ai grandi nomi dell'arte e dell'architettura moderna come Dalì, Gaudì, Mirò, Picasso.

Il nome di molte delle vie di Barcellona deriva dall'antico mestiere che svolgeva la gente che abitava in quella zona . Ad esempio: da cosa deriva il nome di Calle de la Tapineria? I tapines sono dei sandali da donna con la suola in sughero , che non potevano essere indossati prima del matrimonio. Le donne li usavano molto una volta sposate, per rimarcare il loro status civile.

La realizzazione della facciata gotica della spettacolare Cattedrale di Barcellona ebbe inizio nel 1298, ma si protrasse fino al XV secolo e anche successivamente, in occasione dell’Exposición Universal del 1888 sono stati fatti alcuni ritocchi .Si dice che la Cattedrale sia stata costruita nella Piazza in cui si trova perché proprio in quel luogo San Giacomo predicò la Bibbia per la prima volta. Nella cattedrale vivono tredici oche, in omaggio e memoria di Santa Eulalia, martire a soli tredici anni, che secondo la leggenda le accudiva nella sua casa.

bar2

In Catalogna è molto conosciuta l’espressione “estar a la quinta forca” , che significa “essere lontani” ciò deriva dal fatto che in passato a Barcellona esistevano cinque “forche”, per le esecuzioni di coloro che non rispettavano la legge , quattro di queste erano in diverse zone del centro, mentre una si trovava nel Turo de Finestrelles, all’estrema periferia nord della città.

Sapevate che la costruzione più alta de mondo era a Barcellona? Il Mirador del Rey Martin è una torre che fa parte del complesso architettonico del Palazzo Reale ; è situato tra il Palazzo di Lloctinent e la Sala del Tinell . Durante il periodo medievale , i cittadini di Barcellona sostenevano che questa fosse la torre più alta del mondo. Non era di certo la verità , ma questa idea ha resistito per lungo tempo. Curioso anche il motivo per cui la torre ha preso il nome del Rey Martin, nonostante sia stata costruita quasi 150 anni dopo la sua morte: semplicemente perché si trova sulla stessa area in cui sorgeva un’altra costruzione simile, realizzata quando il Re era ancora in vita.

Non poteva mancare un cenno alle famosissime Ramblas; oggi sono una imperdibile attrazione per tutti coloro che visitano Barcellona, ma in precedenza venivano utilizzate come cloaca, dove i rifiuti venivano coperti con pietre intagliate. Nel corso degli anni l’area è stata bonificata e riqualificata, arrivando ad avere l’aspetto odierno. Il grande cambiamento avvenne nel corso del XIX secolo, quando si cominciò a costuire edifici come l' Hotel Orient , il Teatro Liceu e il mercato della Boqueria . Con le grandi modifiche apportate, le Ramblas sono diventate un simbolo della città conosciuto in tutto il mondo.

barce3

 

Infine , un’altra grande celebrità catalana: la Sagrada Familia. La prima pietra fu posta il 19 marzo 1882 , perciò se l’opera verrà completata nel 2026 , come previsto, saranno serviti ben 144 anni per costruirla. Quella prima pietra non fu posata da Gaudí , poiché il progetto originale era dell'architetto Francesc de Paula Villar, che lo ha però abbandonato a causa di contrasti con il Comune.

Il disegno originale, fino all'arrivo di Gaudì nel 1883, era gotico. Egli aveva solo 31 quando prese in mano il progetto e gli ha dedicato gran parte della sua vita, lavorando per molti anni esclusivamente ad esso . Il 10 giugno 1926 Gaudí morì a causa di un incidente avuto tre giorni prima, quando fu investito da un tram. Una volta completata, la Sagrada Familia avrà 18 torri , con la torre centrale dedicata a Cristo , alta oltre 170 metri. Per rendere l’idea, il Campanile di Giotto a Firenze è alto “solamente” 85 metri! sulla facciata della Passione, posta sul lato rivolto ad ovest della basilica, è presente un “quadrato magico” all’interno del quale sono incisi dei numeri, la cui somma è sempre 33, l’età di Cristo al momento della sua morte. Quando cominciarono i lavori per la costruzione, l’area era quasi in aperta campagna, nel tempo è stata completamente urbanizzata, divenendo parte del centro di Barcellona. Il termine del lavori nel 2026, coinciderà con il centenario della morte di Gaudí .

 

barce4

Lascia un commento

Stai commentando come ospite.

Sondrioclick

  • 23100, Sondrio
    via Dante, 21

Contatti

Riferimenti

C.F. GRG SMN 71R22 L175E
P.IVA 00883530149

Seguici su...